h1

Rainbow Stalin!

30 agosto 2010

L’appuntamento alla Festa dell’Ernesto è finalmente trascorso e si può navigare verso nuovi lidi, come l’uscita (a settembre -forse) del prossimo numero. Di tutte le cose belle che sono successe ieri scriveremo quando avremo delle foto (Zadra? Zaaadra?): intanto ringraziamo ufficialmente Fabio Franzin, Stefano Colangelo, Il Roglia (“Il” è il nome), tutti i presenti e in particolare il Figa (perché il Figa? Vedi commento) e chi ha messo a disposizione lo spazio, compreso un tizio molto biondo e molto anconetano dalle cui posizioni politiche Herr Direktor dissente (ci teneva a ricordarlo).

Adesso posso finalmente postare questo:



Spiegazione. Nel 2001 nasce la comunità online YTMND, dall’acronimo di ‘You’re the man now, dog’ -da una frase nel film Scoprendo Forrester. Il sito esiste anche oggi ed è uno dei più aggiornati siti gratuiti di hosting di pagine con animazioni e musica. Negli anni ha dato vita a una impressionante quantità di ‘internet memes‘, fenomeni vari di imitazione, flame a non finire e soprattutto è diventato un po’ un fenomeno a sua volta.

Tra i tormentoni creati, nel 2006 vi fu un’immagine creata sulla base della canzone “All this love” del duo elettrodance Similou che nel ritornello recita “Rainbow stylin'” (=stile arcobaleno)… E da Rainbow Stylin’ a Rainbow Stalin il passo fu breve…

Ecco TUTTE le animazioni create per Rainbow Stalin su YTMND. Il video su Youtube ne monta tra di loro un po’, comunque l’originale è questa http://rainbowstalin.ytmnd.com/ La cultura pop riesce a mangiarsi praticamente tutto.

E ora ballate tutti insieme al Piccolo Padre!

Mi raccomando, convidete su Facebook e cose varie.

Annunci

One comment

  1. Davvero dobbiamo spiegare il motivo per cui conviene avere dei post con dentro la parola pheega, quando la scorsa settimana tre contatti sono arrivate sul blog cercando ‘anziana con figa chiusa’ -giuro, per quanto la cosa mi faccia ribrezzo- e altri ancora con ‘belle fighe al mare’ e ‘Francesca Palmas scopata’?

    Se si è voluto condividere coi lettori questa considerazione è solo per dimostrare ancora una volta, come si cantava nel musical Avenue Q (non conoscete? Cercatelo!), che

    Perdonate la visualizzazione sdozza: vi passo anche una mezza versione italiana, va’ http://www.youtube.com/watch?v=9W885oBRVE4

    the internet is for porn.



I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: