h1

Che anno è

7 gennaio 2011

Dunque, vediamo un po’ una cosa: qualche settimana fa andando al cinema poteva capitare di vedersi “Ritorno al futuro”, mentre in questi giorni c’è TRON (trama mediocre, sceneggiatura del piffero, 3D così così -ma te lo fanno pagare comunque undici euro undici- ma la colonna sonora è spettacolare).

Poi; si è discusso (e si discute ancora) per mesi di elezioni sì-elezioni no dato che la maggioranza traballa: fuori dal Parlamento, il movimento giovanile s’interroga sul nodo violenza/non violenza rimanendo critico con le opposizioni di sinistra (ritenute troppo deboli), ma senza far avanzare la strategia della tensione. Ah, nel frattempo d’Alema litiga con Veltroni.

Sulla panchina del Foggia siede Zdenek Zeman, mentre su quella dell’Olimpia Milano è stato chiamato Dan Peterson.

A Mirafiori la FIAT spinge per far firmare un pessimo accordo ai metalmeccanici, contro il quale la FIOM indice uno sciopero generale.

Ah, e si parla di una reunion degli Area.

Adesso è tutto chiaro: siamo evidentemente nella prima metà degli anni ’80. Il che significa che manca ancora un po’ prima che io nasca: il che dà origine ad un paradosso temporale (così dimostriamo che Ritorno al Futuro l’abbiamo visto).

Facciamo così: io adesso vado in un negozio di dischi e provo a vedere se c’è un nuovo album dei Pink Floyd o di Fabrizio de André, e in fumetteria a chiedere qualcosa di Pazienza o Pratt. Se mi avete fatto tornare indietro nel tempo solo per la cagate, mi incazzo come una faina.

[EDIT: allora vedete che non ero solo io, c’è anche una spiegazione scientifica del viaggio temporale]

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: