h1

Tassonomie.

16 gennaio 2011

TIZIO: – Ohi, ciao. Piacere, [….] ma lo sai che io ti vedo sempre alle manifestazioni?

IO: – Sì? Mah, io purtroppo non sono per niente fisionomista, per cui non so se ti riconoscerei

– No no, ma io invece ti vedo tutte le volte in manifestazione, solo come un trozkista…

– Ah, come un trozkista? Io tra l’altro non è che abbia particolari simpatie…

– No, ma è un modo di dire che ci sta dalle parti mie: perché vedi, in una manifestazione ci stanno sempre diversi gruppi. Ci stanno quelli che sfilano, tutti belli carichi, con gli striscioni e tutto: quelli che vengono con gli amici: quelli che stanno ai lati della strada fermi e un po’ chiedono qualcosa a quelli che passano e un po’ si lamentano; quelli li chiamiamo “i rompicoglioni”.

– …

– E poi ci stanno quelli che vengono da soli e rimangono lì un po’ circospetti: per quello diciamo che sono soli come dei trozkisti.

– Ah, ecco.

La conversazione in oggetto si è svolta giovedì sera a casa del vicedirettore tra me e un tizio napoletano mai visto prima.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: