h1

Discorsi da autobus.

20 gennaio 2011

Per dire, uno magari non vota Lega però dice “però comunque ci sta che nel momento in cui in una società crescono gli immigrati, crescono pure i partiti contro gli immigrati.”

Invece, no –e c’ho le prove. Ovvio che questo non vuol dire “si fotta la signora anziana che si sente spaesata e indifesa salendo sull’autobus con 10 persone e magari è l’unica italiana-italiana”: vuole dire che non è che la signora anziana il giorno dopo fonda un partito xenofobo, ma deve trovarselo già bello pronto, votabile e che dà le risposte che non le pare di trovare in altri partiti.

Comunque la soluzione giusta non è “salgo sull’autobus e siccome sono progressista e credo in un futuro migliore per l’intera razza umana me ne frego del colore della pelle di chi mi sta di fianco”: è “ah, sì? adesso che me lo fai notare…” Il problema sta lì, sta.

P.S. Poi però cedete il posto a sedere alla sopradetta signora anziana, meglio se evitando di chiederlo ché poi mi si schermisce “no, no, scendo solo fra 8 fermate…”

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: