h1

Se verrà la guerra, marcondirondero

22 marzo 2011

La migliore posizione teorica sugli eventi di stretta attualità nonostante tutto il rumore che ci circonda. Questo blog si dichiara contrario allo sfruttamento eccessivo di de André, ma quando ci vuole ci vuole.

(il video non c’entra nulla, ma il signor Sony ha deciso che le SUE canzoni si possono guardare solo su YouTube)

Se poi proprio ci tenere a leggervi qualcosa, però, vi diamo un elenco ragionato di fonti e commenti -non per forza equilibrate in base alla par condicio, ma almeno intelligenti, ecco, quello sì.

Fonti:

– La pagina di Mibazaar, un sito che geotagga su Google Maps gli ultimi tweet dalla Libia, live

– Sul sito Linkiesta, le infografiche sul ruolo e la collocazione delle tribù libiche e con la posizione dei comandi militari e degli armamenti. Per approfondire la storia della Libia e delle sue popolazioni (ché la Libia come entità unica mica esisteva prima del 1911, ce la siamo inventata noi) articolo di Massimo Introvigne sulla Bussola Quotidiana.

– La stessa cosa, ma con una mappa unica, interattiva e dettagliata con le unità navali ed aeree per ogni paese sul sito de El Mundo: l’unico difetto è di essere, ovviamente, in spagnolo (ma si capisce, suvvia).

Gasdotti, oleodotti e giacimenti libici in un’ottima carta di Limes.

– Su MotherJones, Liveblogging dall’inizio degli scontri ad oggi, in inglese: ben fatto, altrimenti c’è Repubblica.it che si salva.

Commenti:

Cosa ne pensa chi scrive, in due parole? Qui; Sandrone Dazieri.

Gli articoli in assoluto migliori, che mettono ulteriori dubbi ma danno un buon quadro della situazione senza retorica, li abbiamo letti da parte di Enzo Mangini sul sito di Carta (“Nel dubbio, bombe”) e qualche giorno fa da parte di Gennaro Carotenuto (“Bengasi, nonostante l’ONU, è sola”).

L’ottimo Gabriele del Grande si trova a Bengasi e da lì aggiorna il suo blog, Fortress Europe: un pugno nello stomaco.

Dopodiché, se vi va spaziare un poco: ci sono

– “Tutti i dubbi sulla guerra in Libia”, sul Post: che poi proprio tutti non sono -Piero Vietti sul suo blog sul Foglio ha messo  insieme i pareri della stampa italiana fino a ieri (22 marzo, qui)

Un articolo che studia l’impatto dei missili Cruise, sul manifesto: parallelamente, uno studio su PeaceReporter s’interroga sull’uranio nei Cruise

– “Perché si ricomincia con la guerra” su Mazzetta

– “Cinque stupidaggini sulla Libia“, su Distanti Saluti (mah)

– Carmilla, “La vergogna senza fine di noi Occidente in guerra” (doppio mah)

– C’è l’abilità dello staff di Obama dietro l’apparente ruolo defilato degli USA? Lo sostiene Christian Rocca sul Sole 24 ore.

– A proposito del trattato italo-libico, di accordi e diplomazia internazionale, “Pacta sunt servanda” su LexItalia.

Infine, su Repubblica ci sono i reportages di Vincenzo Nigro, e per la cronaca date un’occhiata ai siti delle agenzie: Ansa, AgiAdnKronos, ReutersAsca, Autostrade per l’Italia, ma soprattutto con la partecipazione dell’ENI. Speriamo finisca presto.

Annunci

4 commenti

  1. ottimo post! credo sia il modo migliore per capire e farsi un’oppinione su quello che succede in Libia, grazie dei link!


    • Grazie! Calcola però che sono link vecchi di una settimana e in parte descrivono situazioni già superate dai fatti -comunque credo siano tutti pareri intelligenti ed informati.


  2. […] Ci sono più cose in cielo e in terra, che in qualsiasi altro posto. « Se verrà la guerra, marcondirondero Laterale. 23 marzo […]


  3. L’esempio da fare è sempre il solito. Mettiamo il caso che si cammini per strada di notte, magari tornando da qualche festa o altro; ad un certo punto ci troviamo di fronte ad un tizio che malmena un altro tizio, mettiamo il caso per derubarlo(fin qua potrebbe piacere a qualche leghista che si aspetta da un momento all’altro che dica “rumeno” “tunisino” ecc ecc), ecco noi ci troviamo difronte a delle alternative:
    1)Malmenare il malmenatore, o magari provarci
    2)Passare oltre
    Ho paura che l’azione contro Gheddafi sia qualcosa di diverso, tipo il passante che malmena sì il malmenatore e lo mette in fuga, ma poi preso dalla situazione troppo ghiotta ruba il portafoglio al malmenato.
    P.S.:Per evitare furbizie che mi smonterebbero il tutto, dico solo che nei miei esempi non si può chiamare polizia, carabinieri, gendarmeria…



I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: