Posts Tagged ‘infanzia’

h1

I’ve NEVER felt SO old like now.

18 gennaio 2011

Abbiamo già parlato di quanto tempo sia passato dalla nostra infanzia. Andiamo, sapevamo tutti che questo momento sarebbe arrivato. Il momento in cui oggetti che tutti noi sappiamo riconoscere e utilizzare, ma che non sono più né in commercio né in uso da anni, sarebbero stati del tutto svuotati di significato per le nuove generazioni.

Solo, non pensavo così presto, ca220.

Annunci
h1

La verità, vi prego, sul muro.

13 dicembre 2010

La visualizzazione plastica di quel che noi si diceva qui (e poi qui).

LOAL

"Ho passato la mia intera infanzia a desiderare di essere grande Adesso sono grande e questa merda fa schifo"

E poi avevamo la tag “stencil”, scusa, pareva brutto abbandonarla lì dopo il post su Banksy che tra l’altro finì pure in vetrina su Paperblog. Sono soddisfazioni, ammetterete.

h1

Adulzia

30 novembre 2010

Cose che mi hanno fatto sentire che molto tempo era passato dalla mia infanzia:

– il faccione di Bud Spencer candidato alle europee del 2004 per Forza Italia;

– accorgermi con stupore di aver iniziato ad aprire i Kinder Colazione Più separando i lembi della confezione e non facendola scoppiare;

– ritrovare un Topolino del 1997 con la pubblicità dello zaino Seven che aveva l’agenda su floppy disk e ricordare che il mio pensiero di allora fu qualcosa come “ommioddio, è la cosa più avveniristica e futuribile del mondo!”

Cosa che mi fa, ogni volta, rimpiangere un mondo più analogico:

– andare su Wikipedia 10 minuti dopo il lancio di agenzia della morte di qualcuno e trovare la pagina aggiornata con la data della morte.

Nel caso specifico, ieri è capitato per Mario Monicelli. Siccome non siamo capaci di parlare bene delle cose grandi e serie, solo tre link molto significativi sull’argomento: uno, due e tre.

h1

Cosa ricordo della mia infanzia

5 agosto 2010

Andiamo, sapete che è vero.

Trovata QUI. Traduzione (uff…):

  • importanti lezioni di vita/eventi
  • repliche di cartoni anni ’80 che sono la ragione per cui ora spendo soldi in ciarpame inutile, vado a mostre-mercato per spendere più soldi, tutti i miei amici sono dei nerd, e sono l’unico teenager (o un po’ di più, NdR) che si relaziona ai suoi genitori perché sono stati la ragione per iniziare a vedere quei cartoni.

Giuro che nei prossimi giorni ci saranno tante belle cose nuove, sul blog.

  • Fabio Bonifacci, “Anni di pongo : perché gli anni ottanta non sono mai esistiti, perché continuano ad esistere”, Bologna, Granata Press 1993
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: