Archive for febbraio 2011

h1

Bravi.

26 febbraio 2011

Questo post verrà aggiornato nelle prossime ore quando avremo maggiori informazioni sia da siti militanti che giornalistici che, soprattutto, da testimonianze dirette della giornata di mobilitazione antifascista contro un convegno a cui partecipava Casa Pound, quindi verrà modificato a breve. Nel frattempo, una breve cronaca riassuntiva sul sito di Repubblica, dove trovate anche le foto della giornata -mentre su ZeroInCondotta c’è il liveblogging della giornata con anche video e audio!

Intanto: bravi.

la home di Repubblica

Annunci
h1

Lega la Lega (1 e 2).

25 febbraio 2011

La prima informazione ci viene da un’intervista di qualche giorno fa rilasciata dall’on. Mario Borghezio a KlausCondicio, il talk show di Klaus Davi che trovate sul suo canale YouTube (qui l’intervista). E i miei piccoli 24 lettori si chiederanno: “Ma Borghezio chi, quello che viene invitato ai congressi dell’estrema destra francese? Quello che dichiarò che <il regionalismo è un buon modo per non essere considerati fascisti nostalgici, ma sotto sotto siamo sempre gli stessi>? Quello condannato per aver dato fuoco ai cartoni degli immigrati che dormivano all’aperto?” Esatto, proprio lui (come siete informati!).

L’intervista è ricca di perle gustose, come il personaggio ama regalare. A un certo punto non disdegna nemmeno degli obliqui avvertimenti in tema con i 150 anni dell’Unità d’Italia:

Non vorrei che con questa “risorgimentalite” qualcuno dei troppo numerosi monumenti e targhe dedicati in tutto il Paese a Garibaldi subisse qualche pericolo. Se succederà… Sarò il primo a dire di chi è la colpa: di quelle alte cariche che non hanno pensato alle conseguenze negative di tanta retorica.

Sarà anche che Borghezio, così come il suo segretario di partito per molto meno, non si è mai tirato indietro di fronte al rischio di procurato allarme. Ma l’intervista prosegue. Ora non so voi, ma a Garibaldi noi si vuole bene: per questo segnaliamo il passaggio in cui si esamina meglio la storia del Risorgimento e del processo unitario:

Garibaldi entrò a Napoli scortato dai mafiosi e dai camorristi. Per questo andrei a fucilarne il cadavere e non certo a celebrarlo, mi si perdoni la provocazione. Questi sono fatti storici, la gente deve sapere che Garibaldi pagò le pensioni alle mogli dei mafiosi. È l’icona di “Roma ladrona”, un alleato della mafia, uno che ha portato i mafiosi nel Palazzo e non ha favorito il popolo e la gente per bene, come numerosi storici hanno inequivocabilmente accertato.

lo spezzone dell’intervista con queste affermazioni

Non c’è che dire, è proprio un bell’esempio di mondo alla rovescia! Rovesciamento? Qualcuno ha detto rovesciamento?

 

Potremmo pure raccontare la storia di quest’immagine, ma godetevela così

Comunque niente paura, Borghezio non si tocca. Come si potrebbe, dato che in così tanti lo stimano, lo seguono e riprendono le sue parole? Sorvoliamo sul fatto che le parole riguardino l’opportunità di sparare a colpi di mitra sui profughi (qui il video dell’assessore regionale veneto Stival).

Cambiamo argomento: passiamo ora dal borghezio-pensiero (?) alla fredda e grigia cronaca parlamentare. Alcuni di voi sapranno come in questi giorni si stia discutendo in Parlamento il disegno di legge di conversione del decreto cosiddetto “Milleproroghe”, quello che serve appunto a prorogare le scadenze dei termini di molti provvedimenti, disposizioni e adempimenti: nella fattispecie, questo contiene moltissime schifezze. Nella prima versione del decreto c’era anche la (ennesima) dilazione del pagamento delle multe degli allevatori che non hanno rispettato le cosiddette “quote latte” europee.

Il provvedimento è stato prima stralciato, poi -su pressione della Lega Nord- reinserito. E sapete da dove si sono presi i soldi per rientrare dalle multe stratosferiche che l’infrazione a livello europeo costa all’Italia? Citiamo dal sito Giornalettismo:

Una perla contenuta nel Milleproroghe approvato al Senato che concede un’altra proroga sulle quote latte agli allevatori accusati di aver “splafonato” (cioè prodotto più del dovuto) e che dovranno pagare le multe alla Comunità europea. Per accantonare i soldi e permettere al provvedimento di non essere incostituzionale, le risorse — 5 milioni di euro — si sono prese dai fondi per la ricerca oncologica.

Capito? C’è però un grandissimo lato positivo che questo provvedimento, a guardar bene, contiene: augurare un cancro a costoro non sarà mai stato così profondamente appagante.

h1

Cinque storie bellissime

24 febbraio 2011

Catherine Pozzi, poetessa (1882-1934) "L'orrore della mia vita è la solitudine. Giacché io sono un'inferma. Non posso raggiungere gli altri, mai. Di qui, queste intossicazioni per un sentimento, e questi eccessi di materia spirituale."

Chi di voi conosce L’Enciclopedia delle donne? Il nome parla per sé: essa è un progetto collettivo di donne e uomini che

da sempre si propone di radunare, illuminare, costruire e divulgare. Che cosa?

Intanto la conoscenza, nomi e cognomi. Ogni nome e cognome fa una storia, e ogni storia singola va in un paesaggio pieno di storie, e tutto diventa la Storia. Ma senza la storia delle donne – di tutte le donne – non si fa una bella Storia: si fanno degli schemi, delle approssimazioni, dei riassunti che non somigliano più a niente. E che fan danno.

L’altra cosa che si divulga da sé facendo un’Enciclopedia delle donne è l’idea della libertà: la conoscenza delle donne in carne e ossa del passato e del presente, al pari dell’esperienza, sgretola le grate di quei pochi, limitati modelli a cui la loro vita (destino, vocazione, intelligenza, desiderio) viene ancora ricondotta.

"L'eccezione conferma la regola e al tempo stesso la invalida... Sono ossessionata dall'eccezione."

Ma questo non vuole essere un post sull’Enciclopedia: vuole essere uno spunto per prendere, da lì, cinque storie cinque: 5 biografie femminili tutte diverse (ma forse non così tanto) e distanti tra loro (ma forse non così tanto). Sono le storie di partigiane, resistenti, scrittrici, artiste, poetesse, aticonformiste:

Joyce Salvadori Lussu

Marcela ed Elisa

Claude Cahun (nata Lucy Renée Mathilde Schwob)

Ondina Peteani

Catherine Pozzi

Leggetele.

 

[Ulteriore nota: le curatrici del progetto dell’Enciclopedia sono Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli: ma gli autori e le autrici sono veramente tanti. I contenuti dell’Enciclopedia sono disponibili sotto una licenza Creative Commons 2.5 e a tutto questo si accompagna pure un blog, Lo specchio delle dame.]

Claude Cahun, "I.O.U.", 1929-30

h1

Letture sulla #Libya

24 febbraio 2011

Posto tutto questo anche in considerazione del fatto che sarebbe interessante che chi ha delle osservazioni poi ce le facesse conoscere commentando.

Secondo me ha ragione fin nelle virgole Rossana Rossanda nel suo intervento di oggi sul manifesto. Se doveste leggere una cosa cosa, leggete questa.

La foto viene da questo Flickr: http://www.flickr.com/photos/a7fadhomar/

Gli scenari futuri dell’immigrazione e perché parlare di “esodi biblici” è una solenne sciocchezza buona solo per gli imbecilli, da Fortress Europe, il blog del mai abbastanza lodevole Gabriele del Grande. Sempre una confutazione sul sistema delle migrazioni dalla Libia anche su Crisis.

Il blog Petrolio, che di petrolio appunto parla, ci informa sullo stato delle forniture in particolare in quest’articolo.

Un’analisi emme-elle fin nel midollo sul sito dell’Ernesto (vabbè, per questa ha insistito Franchino).

Un articolo documentato con molte delle cifre sul commercio di armi da parte di industrie italiane e non solo verso la Libia si trova sul sito di Lettera 43.

Attenzione! La storia delle “fosse comuni” è una solenne stronzata: si può facilmente confutare come fa oggi Luca Sofri visto che basta un po’ di sano fact-checking. Che però di fronte a tutto questo qualcuno possa sentire puzza di Kosovo e di futuri interventi “umanitari” (già) ci sta eccome. Anche sul blog Militant ci si fa la stessa domanda in maniera un po’ rozza, nei commenti risponde in modo articolato e molto intelligente Wu Ming 1 e si può vedere anche qui.

Per finire, Radio Radicale dedica un dossier di interviste ad esperti sulla crisi in Libia: le tre parti sono qui, qui e qui.

h1

Cattivissimo me

24 febbraio 2011

Riprendiamo questo lancio dell’agenzia Asca, che vi prego di leggere attentamente cercando di visualizzare le scene (tip: a Malta perché avevano paura di essere rimpatriati dall’Italia):

LIBIA: ESILIATI A MALTA BRUCIANO BANDIERA ITALIANA

(ASCA-AFP) – La Valletta, 22 feb – Circa 100 cittadini libici rifugiati a Malta hanno bruciato una bandiera italiana durante una manifestazione di protesta contro Muammar Gheddafi davanti all’ambasciata libica a La Valletta. I manifestanti, davanti alla polizia che circondava l’edificio, hanno gridato slogan contro l’Italia, accusata per gli stretti legami con il dittatore di Tripoli, e hanno definito ”eroi” di due piloti dell’aviazione che ieri si sono rifiutati di bombardare la folla a Bengasi e sono scappati a Malta, il paese della Ue piu’ vicino alla Libia.

.

 

la foto non c'entra nulla, ma senza questa didascalia non l'avreste mai saputo

Così come in Libia si grida “Morte a Berlusconi” e slogan contro l’Italia: mentre vengono massacrati a colpi di machete i migranti del corno d’Africa respinti dall’Italia nelle carceri libiche (prendetevi un attimo per rifletterci). E adesso vai lì a dare loro torto: per loro, noi, l’Italia, siamo i cattivi.

 

Lo so che è difficile da pensare: nelle favole che leggevamo da bimbi (o nei film che guardiamo da adulti) ci identifichiamo coi buoni, che di solito sono anche bianchi e cristianoccidentali. Certo, la storia non dà giudizi di valore, ma chi storico non è ha tatuato dentro la testa un modello narrativo di buoni VS cattivi: è persino giusto, viene facile da raccontare. Ma provate a pensare a come i libri di storia che fra qualche decennio parleranno di questi tempi e alle parti in commedia: da che “parte” metteranno noi?

Dico “noi”, non i mercenari italiani che starebbero aiutando a reprimere la rivolta, non i rappresentanti del governo italiano, né solo quelli che li hanno votati. Proprio l’Italia. Adesso ve lo scrivo in grande: SIAMO I CATTIVI. Poi arriverà la Storia ad attribuire non torti e ragioni, ma cause, responsabilità, interpretazioni.

P.S: Ah, prima o poi porta anche un’altra cosa, la Storia: il conto. Salato.

h1

A quarant’anni sarò il re della pista

23 febbraio 2011

Era da un po’ che lo volevo scrivere: il nuovo video dei Radiohead con Thom Yorke che balla in quella maniera assurda facendo il figo essendo partito con una roba come “Creep” fa immaginare che ad anni di distanza ci sia speranza per tutti. Parodie del video di Lotus flower qui, qui e qui.

La canzone invece non è eccelsa, ma sembra migliorare con il numero di ascolti: però poi penso che non ci si deve fidare di questo criterio.

EDIT: uno non fa in tempo a scrivere il post che sul Post, con la maiuscola, ne raccolgono un sacco di parodie. Che poi, ovviamente, come poteva non esserci un Tumblr a proposito? Mi sa che se non creo una categoria diventerà la tag più grande di tutte.

h1

Proporzioni.

23 febbraio 2011

Roberto Vecchioni: Sanremo = Vladimir Luxuria: Isola dei famosi.

E volete sapere anche un’altra cosa? Malgrado quel che ne scrissero e ne scrivono alcuni commentatori, né l’uno ne l’altra hanno nulla a che fare con le sorti della sinistra italiana, tanto meno sono sintomi di avanzamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: