Posts Tagged ‘centri sociali’

h1

E mo’ però ve state a allarga’ un po’ troppo, eh?

16 gennaio 2011

L’abbiamo già scritto: non è che ci teniamo particolarmente a fare un blog antifa’ e anche quando trattiamo di temi legati all’antifascismo militante cerchiamo di farlo senza visioni preconcette. Certo, l’idea sarebbe quella di sviluppare un dibattito, ma se voi non commentate poi non vi lamentate.

Dunque: uno gira per la rete e può trovare strane cose, come questa:

Un simpatico corteo contro i  crimini del comunismo (non  capisco cos’abbia a che  fare  con l’unità d’Italia, ma  immagino sia  un limite mio)  intitolato FOIBE, a dare  retta  al volantino. Citiamo da Piovono  Rane, che fa  notare l’anomalia di un  ministro che sfila  insieme a un centro  sociale:

Per essere più precisi, il centro sociale in questione è una «comunità militante» in cui «si respira l’aria  pulita del cameratismo» e che si batte «per il primato della gerarchia  sull’assenza di regole, della fedeltà sul tradimento, della Patria sull’internazionalismo», «per l’Università dell’identità e della Nazione», e naturalmente «facce al sole e vite d’avanguardia».

Buona manifestazione, ministro Meloni.

E questo già basterebbe. Poi arrivo qui:

Scusa, come? Camerata? E mo’ ve state proprio a allarga’, però. Prendere uno dei fumetti più belli che l’Italia abbia prodotto e trasformare la creatura  La reazione, giustissima e di pancia, più sensata sarebbe questa qui, dal blog di Luigi Bicco: “Corto Maltese un camerata? E Totò Schillaci no? E Sbirulino? E Tiramolla? Ma davvero davvero ancora non vi stancate di dire cazzate? Ancora? E che ci vuole per farvi capire che dovete trovarvi un lavoro serio? E lo so che è dura, in questo momento. Però almeno provarci.”

Una seria e documentata disamina della questione, ovviamente destituita di alcun fondamento, su ComicusNon ho gridato“viva qualcuno”, rimane semmai l’unica fede politica di Corto.

Annunci
h1

Sabato pomeriggio: neofascista, non andare via…

9 gennaio 2011

Foto dal Resto del Carlino, copyright Fotoschicchi

Che cos’è capitato ieri pomeriggio a Bologna?

Càpita questo: che il gruppo politico di estrema destra Forza Nuova, su posizioni che richiamano apertamente il neofascismo (molti dei dirigenti nazionali, a partire dal fondatore Roberto Fiore, sono passati dall’eversione nera negli anni ’80) abbia chiesto e ottenuto il permesso di stazionare in piazza dell’Unità, in zona Bolognina, con un banchetto di raccolta firme. Lo scopo è duplice, si legge nel comunicato stampa di Forza Nuova: il primo è quello di aprire ufficialmente la campagna elettorale per le comunale 2011 -ricordiamo che nel 2009 il movimento a Bologna candidò il sacerdote lefebrviano Giulio Tam, noto per le sue posizioni antiabortiste, anti-immigrazione, negazioniste e con una predilezione a fare il saluto romano, prendendo 451 voti, lo 0,2%.

Una manifestazione di FN

Il secondo è protestare, citiamo:

contro il nuovo decreto flussi del  Governo grazie al quale 100.000  nuovi immigrati entreranno nel  nostro paese nell’anno in corso  (senza contare i successivi inevitabili  ricongiungimenti familiari) in un  momento in cui la disoccupazione sta flagellando gli ancor minimi livelli di dignità economica della nostra popolazione e 7.000.000.000 di euro, ogni anno, sono inviati dagli immigrati nei rispettivi paesi d’origine sottraendosi così ai nostri circuiti economici e commerciali ed impoverendo il nostro tessuto sociale. L’immigrazione è una risorsa per pochi attori economici ed un flagello per tutti gli altri.

fonte: agenzia Dire

Raccolta firme, dunque. Sennonché, l’autorizzazione fa notizia: ne scrivono le agenzie, venerdì 7 il lancio è ripreso da Radio Città del Capo e il blog della fu Assemblea antifascista permanente , annunciando mobilitazione per il giorno dopo. Questo perché piazza dell’Unità, per gli antifascisti bolognesi, non è un luogo qualunque: è stata teatro, il 15 novembre 1944, della cosiddetta battaglia della Bolognina, in cui caddero 6 partigiani. A questo si aggiunga la natura da sempre operaia del quartiere, fin dalla sua edificazione, e storicamente spostato a sinistra: per tutto questo il presidio dei neofascisti è sentito come una “squallida provocazione”.

Ma non è tanto questo il motivo per  cui Forza Nuova ha scelto piazza  dell’Unità: la motivazione è piuttosto  legata alla notevole presenza di  immigrati nella zona. Non è chiara la  relazione tra questo e la raccolta  firme contro il decreto flussi 2011 che  arriva dopo 2 anni senza decreto e ha  tra l’altro dei numeri bassissimi  rispetto alla media dei precedenti  (senza contare che il meccanismo stesso nasconde, di fatto, regolarizzazioni di cittadini stranieri già presenti in Italia con l’artificio di chiamare lavoratori dai loro paesi, alimentando nient’altro che sfruttamento del lavoro nero e microcriminalità), se non quella classica tra locale e globale che tanto premia i movimenti populisti contro l’immigrazione: ti senti impaurito perché in giro ci sono troppi stranieri e ti rispondono che sono le dinamiche economiche planetarie? Mentono, è colpa dei poteri forti, della lobby gay, i massoni li vogliono sfruttare qui mentre a casa loro starebbero bene, aiutiamoli a casa loro, l’Italia agli italiani etc. Facile facile.

Scrive un militante su questo forum, “Forza nuova dice no a questa nuovo assalto al tessuto sociale italiano e lo dice in un quartiere di Bologna dove ormai gli stranieri hanno percentuali preoccupanti”. Preoccupanti per chi, non lo dice.

Piccola parentesi: abbiamo citato dal thread dedicato al presidio sul Forum della Base Militante. Nello stesso thread i messaggi sono del tenore “L’immigrazione deve essere fermata, la situazione sta diventando insostenibile!”, tale Ustascia (giuro) sostiene che “contrastare l’invasione è un dovere di tutti”, altri, tutto in caps “BASTA CON GLI IMMIGRATI,NON LI VUOLE NESSUNO”, uno nella firma ha KOSOVO JE SRBIJA (Dio li fa e poi li accoppia, ricordate? Ne avevamo parlato anche qui), oppure che sull’immigrazione “La gente si sta abituando, sta socializzando, a differenza di qualche anno fa. E’ quello che vedo io quando giro per la strada, sta diventando un fenomeno irreversibile, sarà sempre peggio! Il brutto è che non c’è più nulla da fare…..” Ora, il web è e deve rimanere libero e costoro hanno il sacrosanto diritto di pensare e soprattutto scrivere quel che credono. Io ho quello di mandarli a fare potentemente in culo. Riprendiamo.

Che succede ieri? Il solito copione visto così tante volte.

Succede che alle 16, puntuali, arrivano 5-6 militanti di Forza Nuova, preceduti già da parecchio dalle camionette della polizia e da un consistente numero di agenti in tenuta antisommossa, tutti lì in piedi ed annoiati. Dal centro sociale XM24 arrivano un po’ di militanti dei centri sociali (un 40?), gridano slogan contro Forza Nuova come “Fascisti carogne tornate nelle fogne”, hanno distribuito volantini in solidarietà agli immigrati a firma antifascisti/e, si è creata un po’ di tensione con i carabinieri visto che il presidio mobile ha girato qualche volta intorno alla piazza, si è bloccata la circolazione per 5 minuti in via Matteotti ed è finita lì. In piazza è rimasto un contro-presidio che esponeva fieramente uno striscione che recita «Nazifascisti, deponete le armi o perirete – Bolognina antifascista».

Il banchetto per la raccolta di firme è rimasto lì, nell’indifferenza generale. Tutto questo ottiene però l’effetto di dare visibilità a Forza Nuova (che sul fatto di dirsi ‘anticonformista’ e osteggiata dai ‘rossi’ ci sguazza), tant’è che sui giornali di oggi la notizia c’è: vedasi La Repubblica Bologna, che sceglie il tono “pulp” della questione dei gggiovani, però di sinistra:

Forza Nuova: “No all’immigrazione”
tensione con attivisti di sinistra

In piazza dell’Unità forze dell’ordine in tenuta antisommossa per evitare che i due gruppi venissero a contatto

e il Resto del Carlino, che non manca di omaggiare i tutori dell’ordine, eh, gli opposti estremismi, signora mia, quanta violenza c’è in giro:

Doppio presidio in piazza dell’Unità
Agenti anti-sommossa evitano il contatto – A tenere a distanza i militanti del partito di estrema destra dai ragazzi dell’area dei centri sociali ci ha pensato un consistente cordone di forze dell’ordine con carabinieri e poliziotti schierati in assetto anti-sommossa

A sentire l’informazione ‘indipendente’, invece, pare che la rivoluzione proletaria su scala mondiale sia ormai praticamente prossima. Per ZeroInCondotta c’era “un presidio mobile antifascista non annunciato di poco meno di un centinaio di persone”, mentre per StaffettaNoblogs (erede, si diceva, del blog dell’AAP)

nonostante questo massiccio spiegamento di forze, gli antifascisti hanno fatto un volantinaggio di controinformazione in giro per la Bolognina, sfuggendo ai blocchi della polizia e ricevendo la solidarietà degli abitanti del quartiere: migranti, ex-partigiani, giovani.

“Blocchi della polizia?” Forse a conti fatti la lettura più equilibrata la dà Radio Città del Capo nel resoconto sul suo sito.

Bolognina antifascista

Tutto parte, in effetti, dall’intento provocatorio di un presidio siffatto alla Bolognina. Anche ad astrarsi per un attimo da una sana avversione contro i razzismi e i fascismi, possiamo dire che quell’intento non ci fosse da parte di FN? Sì, c’era. Quindi; vi si risponde? C’è chi dice  “finché non fanno niente di illegale hanno tutto il diritto di stare lì, tanto sono irrilevanti” e chi pensa che no, quel diritto a manifestare le proprie opinioni ce l’hanno tutti tranne che i fascisti: chi ha manifestato ieri era evidentemente di questo avviso.

Come vi si risponde? Si possono contestare le autorità (la Questura in primis) per avere concesso l’autorizzazione e far passare la sottovalutazione delle organizzazioni neofasciste e fare pressioni sulle istituzioni e sulle forze politiche (o almeno che evitino di concederle sempre e comunque, anche quando, come nel 2009, sono concerti di gruppi neofascisti per celebrare l’anniversario della strage di piazza Fontana). Oppure si può ritenere che sia la società stessa, nella sua parte migliore, ad attivare i propri ‘anticorpi’ antifascisti, anche di fronte ai crescenti episodi di vandalismo nei confronti di lapidi o monumenti alla Resistenza (uno su tutti, per dire). Tra i corpi intermedi su cui si può esercitare pressione, non da ultimo, ci sarebbe anche quel che rimane dei partiti di massa -o almeno, su quelli della sinistra che più si proclamano antifascisti: è quel che cercano di fare, bene o male, associazioni (l’ANPI in testa) e movimenti di base.

Le forme in cui questa resistenza attiva si mette in atto sono molteplici. Si può legittimamente ritenere che certe volte si faccia ‘il loro gioco’ a contestare anche quando delle iniziative di estrema destra non si accorgerebbe un cane, né la gente né tantomeno i media mainstream: oppure che no, contestare bisogna sempre e comunque, perché altrimenti è un segnale di indifferenza civile e politica che lascia più spazio per la volta successiva.

Uno che c’era, ieri , si rende conto che forse la cosa peggiore è dare l’idea che a tenere la posizione di una militanza antifascista siano in pochi e siano i marginali, gli estremisti, i giovani-dei-centri-sociali.

E allora, che si fa?

h1

Tentativo di stesura di un dramma sociologico in crowdsourcing.

7 dicembre 2010

Tutto nasce da una discussione ieri sera a cena al ristorante indiano: c’è qualcosa di particolare a Bologna che attrae i personaggi squinternati? O meglio, che tiene dentro la vita sociale, nelle leggendarie balotte dei vari quartieri e nei centri-sociali-più-o-meno-occupati, persone che altrove avrebbero avuto solo tanto TSO? Allora, facciamo così: lanciamo la proposta per cui chi di bolognese (inteso come anche solo domiciliato per un po’) passa di qua, racconta un aneddoto o una leggenda metropolitana su un personaggio assurdo: che so, la contessa del Pratello, Willy dell’XM (Willy sindaco!), Ted Hemman, l’uomo-Ritalin, TruceBaldazzi, qualcuno degli umarells di cui parla Masotti… Vediamo come va.

Intanto iniziamo da un mito, Aldo dei Cavalla Cavalla, che in un Panorama di qualche anno fa fu inserito nelle 100 persone più importanti dell’anno (o che avrebbero influenzato l’anno successivo, non so, bisognerebbe ritrovarlo): subito dietro Uto Ughi, tipo. Chi non si è mai sentito chiedere una sigaretta da lui alzi la mano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: